Messaggi dei dirigenti di area

AscoltateLo

Siamo tutti diversi e possiamo avere approcci dissimili su come ascoltarLo; tuttavia, anche se siamo diversi, siamo tutti figli di Dio ed Egli ci ama per chi siamo, e desidera che Lo ascoltiamo. Se vogliamo ascoltarLo, dobbiamo compiere uno sforzo. 

The First Vision

“Questo è il mio Figlio diletto. Ascoltalo!”1, disse il Padre a Joseph Smith in un bosco dello Stato di New York, in un giorno di primavera del 1820. Questo fu l’inizio della restaurazione della Chiesa di Gesù Cristo così come Cristo l’aveva organizzata quando viveva qui sulla terra. A causa di un’apostasia iniziata poco dopo la morte di Cristo, la Sua Chiesa e la Sua autorità scomparvero infine dalla terra e soltanto secoli dopo, nel 1820, ebbe inizio il processo di restaurazione della Sua Chiesa e dell’autorità per celebrare tutte le ordinanze del sacerdozio. Tutto ciò avvenne a motivo della preghiera sincera di un ragazzo per sapere dove trovare la verità. Egli scelse di chiedere e poi di ascoltare, e che risposta ricevette!

Siamo tutti diversi e possiamo avere approcci dissimili su come ascoltarLo; tuttavia, anche se siamo diversi, siamo tutti figli di Dio ed Egli ci ama per chi siamo, e desidera che Lo ascoltiamo. Se vogliamo ascoltarLo, dobbiamo compiere uno sforzo. Qual è il desiderio più grande del vostro cuore? Che cosa potete fare per ascoltarLo?

Anziano Tom-Atle Herland, Norvegia
Anziano Tom-Atle Herland, Norvegia Settanta di area

Qualche tempo fa, mi trovavo a Francoforte a una riunione di dirigenti della Chiesa di tutta Europa in preparazione per un grande evento che in seguito abbiamo dovuto posticipare al 2021 a causa della pandemia. A questa riunione, l’anziano Massimo De Feo, consigliere nella presidenza di area, ha concluso il suo intervento e tutta la riunione mostrando un video, un brano musicale — dal titolo Slow down — della cantante norvegese Sissel Kyrkjebø insieme a The Tabernacle Choir at Temple Square. Il brano è tratto da un concerto tenuto da Sissel assieme al Coro del Tabernacolo nel 20192, ma io non l’avevo mai né visto né sentito, pur venendo anch’io dalla Norvegia. A dire il vero, non ero preparato per ciò che ho provato quando l’anziano De Feo ha fatto partire il video. Dopo solo pochi secondi dell’esibizione, è stato come se Lo stessi ascoltando in un modo in cui forse non Lo avevo mai ascoltato prima. Sono stato completamente sopraffatto dalle mie emozioni e ho pianto come un bambino. Ho cercato di non tremare troppo e ho abbassato lo sguardo per non far vedere che stavo piangendo; temevo che avrebbe rovinato il momento a tutti gli altri presenti. Il brano musicale mi ha fatto sentire la grazia, l’amore e il perdono di Dio tramite il Salvatore Gesù Cristo per me personalmente, e che tutti gli errori della mia vita, mescolati a tutte le dure esperienze che la vita mi aveva offerto, potevano essere guariti e rimossi. Ho percepito uno scorcio di cielo, un assaggio dell’esistenza celeste. In seguito, sono andato online e ho letto alcuni dei commenti. Eccone due: “Non dimenticherò MAI la prima volta che ho visto questa esibizione. Sono autistico e ho avuto problemi di depressione cronica e pensieri suicidi. Le ultime settimane prima di questo concerto erano state una pura tortura per me e non sapevo proprio più cos’altro fare. Pochi giorni prima che questa canzone venisse cantata, ho chiesto un po’ di sostegno ad alcuni miei amici che fanno parte del Coro, e loro me lo hanno dato, e quando ho ascoltato questa canzone per la prima volta stavo annegando nelle lacrime. È proprio vero che la luce arriverà sempre alla fine del tunnel. Grazie Coro del Tabernacolo, miei cari amici, per essere degli eroi nella mia vita e degli amici così meravigliosi! Voglio bene a tutti voi e ve ne vorrò sempre!”. Il secondo commento: “Sono felice che non abbiano tagliato l’applauso. Quel momento in cui lei si rende conto che quasi ventimila persone le stanno tributando una standing ovation è magico”.

Cari amici, ascoltarLo è magico, è celeste e tocca il nostro cuore, il nostro spirito, e ci aiuta a proseguire il nostro viaggio verso casa da Lui. Questo è qualcosa per cui vale la pena lottare. Che cosa potete fare per ascoltarLo più spesso?


1 (Joseph Smith – Storia 1:17)

2 Slow Down – Sissel (Concerto per la Giornata dei pionieri del 2019 con il Coro del Tabernacolo)